Salvataggio

Test di nuoto di salvataggio 5

Programma obbligatorio: tutti i 4 ersercizi 5.1 - 5.4 devono essere superati

Programma libero: dei 4 esercizi 5.5 - 5.8 due devono essere superati

 

450m stile libero e 50m rana -dorso senza fermarsi. La successione è scelta liberamente.

Rana-dorso:
Fase di scivolata in posizione dorsale tesa. Le anche non si abbassano

1-3 Bracciata
4+5 Battuta di gambe, contemporaneamente portare indietro le braccia.
Segue la fase di scivolata.

Tempo limite: max. 13Min
Profondità dell'acqua: 120-200cm

Nuotare 100m con abbigliamento leggero.
Tenuta per i ragazzi: pantaloni e maglietta, Tenuta per le ragazze: uguale o gonna e camicetta o vestito.

Tempo limite: max. 3Min15
Profondità dell'acqua: 120-200cm

Con tuffo di partenza nuotare fino all'altezza del peso che si trova a 10m dal bordo, immersione verticale recuperare il peso e trainarlo in posizione dorsale fino al bordo della vasca. Nella nuotata sul dorso l'anello viene tenuto con una mano all'altezza del ventre.

Profondità dell'acqua: min. 180cm

Tuffo di partenza, immeisione all'altezza del bastoncino 1, sganciarla, emergere, agganciarla di nuovo alpeso 2. Emergere, nuotare fino alla virata e tornare i 25m a stile libero alla partenza.

Tempo limite: max. 1Min30
Profondità dell'acqua: min. 180cm

Recuperare 10 piattelli/anelli in un'unica immersione con equipaggiamento ABC. I piattelli si trovano ad una profondità minima di 300cm e sono sparsi su una superficie di 10 x 4m.

L'equipaggiamento ABC:
a) La maschera:
ll naso dev'essere nella maschera e deve poter essere stretto con due dita. La maschera dev'essere ben appoggiata e, con l'aspirazione deve affrancarsi al viso senza cinghia (aspirare dal naso). Il vetro di sicurezza protegge gli occhi da eventuali ferimenti.
b) ll tubo respirafore:
Non dovrebbe essere più lungo di 30cm, meglio se di gomma (non plastica dura) e senza valvola.
c) Le pinne:
Non dovrebbero essere troppo grandi e non troppo flessibili. Le migliori sono quelle di gomma. Si scelgano possibilmente pinne che si curvano verso il basso. La punta delle pinne, quando i piedi sono tesi, rappresenta il prolungamento della linea delle gambe (vedi disegno a fianco: linea tratteggiata). Sono consigliate pinne con forma del piede chiusa (provarle con calze di nylon).


Profondità dell'acqua: min. 300cm

Nuotare un cerchio verticale di circa 2m di diametro in posizione dorsale. Immergersi all'indietro, capovolgersi, emergere in posizione dorsale e nuotare in superficie. Durante l'emersione il corpo compie un mezzo giro lungo l'asse longitudinale.

Profondità dell'acqua: min. 250cm

Mezzi ausiliari possibiIi:
- Tuffarsi in un cerchio che non deve essere toccato durante l'entrata in acqua
- Corda, anello
1 -3 stacco corretto
4 alzare il bacino (ev. raggrupparsi)
5/6 tendere il corpo ed entrare in acqua senza rovesciarsi

Stacco con presa di slancio delle braccia:
1 Nella posizione iniziale, le braccia sono appoggiate lateralmente al corpo
2 Le braccia prendono slancio lateralmente o lateralmente verso l'alto e contemporaneamente il corpo si alza sulle punta dei piedi
3 Le braccia oscillano lateralmente verso il basso, le caviglie e le ginocchia si piegano senza che il bacino ed il torace cadano in avanti o indietro
4 Le braccia oscillano velocemente in avanti verso l'alto, e il corpo, con uno stacco energico viene completamente teso.
Stacco con la rincorsa e la presa di slancio delle braccia:
1-4 Passi di rincorsa, appoggiare il piede della gamba di slancio, pre-salto con elevamento delle braccia, atterraggio sulle due gambe e oscillazione verso il basso delle braccia, stacco

Profondità dell'acqua: min. 250cm

Partenza in acqua, nuotare 25m stile libero, virare, tornare al punto 1, immergersi, recuperare il peso che si trova sul fondo e riportarlo in posizione dorsale alla partenza.

Tempo limite: max. 2Min
Profondità dell'acqua: min. 180cm